Vai ai contenuti

Polarizzazione Indotta (PI)

Geofisica > Tecniche > Geoelettrica

Lo studio della Polarizzazione Indotta (PI) si basa sull'analisi nel dominio del tempo della velocità di caricabilità del terreno e nel dominio della frequenza sulla variazione della frequenza di un flusso di corrente alternata energizzante descritta da una precisa legge di dispersione della resistività elettrica .
Le cause che determinano e vengono studiate nel terreno sono:

  • Potenziali di mineralizzazione Una sorgente di PI è connessa ai processi ossido-riduttivi che si instaurano quando in una litologia di terreni con caratteristiche assimilabili ad un buon conduttore elettrico, si manifestano fenomeni di ossidazione nella parte superiore della litologia e di riduzione in quella inferiore.

  • Potenziali elettrochimici Questa tipologia è dovuta a potenziali di membrana o argilla e a potenziali di diffusione.

  • Potenziali di elettrofiltrazione Questa tipologia di potenzialisi originano quando un elettrolita passando attraverso un mezzo poroso dà luogo ad una differenza di potenziale alle estremità della superficie opposte.


UTILITÀ'
Ricerca idrica
Ricerca percolato e inquinanti (discariche ecc)
Ricerca idrocarburi
Mineralizzazioni

VANTAGGI
Robustezza delle apparecchiature;
Possibilità di ottenere informazioni sul sottosuolo anche a grandi profondità con costi notevolmente inferiori rispetto alle indagini dirette;
Buona risoluzione stratigrafica in senso verticale;

SVANTAGGI
Lavora, quasi sempre, a supporto della geolettrica
Difficoltà d’interpretazione in zone accidentate morfologicamente o con numerosi sottoservizi;
Scarsa attendibilità in terreni con variazioni laterali naturali/antropiche;
Per ottenere precisione, occorre una stratigrafia di taratura a riferimento;







Torna ai contenuti